ENRICO TEALDI | Halos

30 aprile – 12 giugno 2022

ENRICO TEALDI
Halos
a cura di Serena Trinchero

inaugurazione sabato 30 aprile h 15.30 > 19.30

Il Centro di Produzione della Danza Virgilio Sieni è lieto di presentare la prima mostra personale a Firenze di Enrico Tealdi, a cura di Serena Trinchero. Con questa seconda esposizione, dopo “Ogni pensiero vola” di Marco Pace, continua nelle sale al primo piano della Palazzina dell’Indiano la digressione sul tema del paesaggio, rappresentato attraverso il mezzo pittorico, questa volta sotto il segno della memoria e della sua capacità immaginativa.

La mostra costituisce un sistema specchiante tra il paesaggio esterno, quello del Parco Monumentale delle Cascine e delle rive del fiume Arno, che entra nello spazio tramite le tante finestre che scandiscono l’architettura della Palazzina, e quello più interiore, idealizzato e sfocato rappresentato dai dipinti di Tealdi. In questa sfida giocosa tra realtà e finzione, suggestioni e richiami emerge nitida la connessione tra la luce e il ricordo.

Il titolo della mostra aiuta ad addentrarsi nei diversi rifermenti che compongono questo rapporto. Halos è un lemma articolato e di profonda connessione tra il passato e il presente, che si intreccia con vicende mitiche e misteri con cui gli uomini si sono dovuti confrontare fin dalla notte dei tempi. Se, nella sua versione greca, la parola fa riferimento a uno spazio aperto, rotondo, dove venivano eseguiti rituali vicino al tempio dell’Apollo di Delfi, non a caso dedicato al dio che rappresenta la luce vivifica del sole; in latino indica l’anello di luce che circonda gli astri. Un richiamo che vive anche nelle lingue moderne basti pensare alla parola italiana alone, che rimanda sia alla meteora ottica della luce delle stelle, che per estensione al contorno sfumato di fonti luminose fino a ciò che rimane di macchie e preesistenze; ma anche all’inglese halo, termine usato per indicare l’aureola e il chiarore che avvolge i corpi celesti.

Da questa stratificazione emergono innumerevoli significati che richiamano la capacità della luce di rivelare le cose attraverso rifrazioni e riverberi che ne contengono in sé una traccia: si pensi in particolare al significato di alone e alla sua relazione con la macchia e anche all’aureola che circonda le stelle, che ci raggiunge attraverso le immensità di viaggi misurabili in anni luce, scie di qualcosa che potrebbe essersi già spento. Non appare assurdo quindi ricordare che nuove branche scientifiche, e in particolare optogenetica, che combina tecniche ottiche e genetiche, rilevino la capacità della luce di stimolare i neuroni fino a far riemergere ricordi ritenuti ormai persi.

Ecco, dunque, che i grandi teli in cui l’artista dipinge paesaggi inondati da un bagliore accecante, tanto da esserne sfocati, così come dalla bruma, sono rappresentazioni frutto dell’alone della memoria, una traccia indefinita, un sentimento incarnato nelle cose che ci circondano e risvegliato in quest’azione di recupero immaginifico. La selezione di opere proposta in questa occasione richiama ancora una volta il tema centrale della poetica del pittore che si insinua in un tempo simbolico, una transizione verso il nuovo il cui ricordo è già inscritto nell’attimo in cui le cose prendono forma, avvolto da quella nostalgia lieve che pervade gli attimi che sappiamo rimarranno nella nostra memoria.

Enrico Tealdi nasce nel 1976 a Cuneo, dove vive e lavora. Dopo essersi diplomato in pittura, perfeziona la propria formazione attraverso diversi workshop con tutor di fama internazionale come Massimo Bartolini, Stefano Arienti, Lorenza Boisi e Tobias Rehberger. Dal 1998 inizia la sua attività espositiva in Italia e all’estero che ha portato le sue opere ad essere presenti in collezioni private. Tra le più recenti personali si ricorda: Citéra, Sociéte Interludio, Torino, a cura di Simona Squadrito (2020); Concerto per carillon, Galleria Francesca Antonini, Roma (2019); Si cercano Parole che nessuno dirà, MAR, Ravenna, a cura di Davide Caroli (2015). Il suo lavoro è rappresentato da Francesca Antonini Arte Contemporanea di Roma e Societé Inteludio di Torino.

Marco Pace nasce a Lanciano (CH) nel 1977 e si trasferisce alla fine degli anni 90 a Firenze per frequentare il corso di pittura informale. La sua formazione si completa con studi nel campo del disegno, dei fumetti e dell’animazione. Dopo la laurea (2003), conosce e inizia a collaborare con Gianni Pettena per il quale si occupa dell’archivio fotografico, oltre a supervisionare le realizzazioni delle installazioni. Ha preso parte a numerose mostre a livello nazionale, tra le più recenti personali: Non finirò Stanziale, 2017, a cura di Marco Scotini, galleria Bonelli Milano; Bocs Art, 2018, a cura di Giacinto di Pietrontonio, Cosenza; My Little sweet home, 2020, Il Crepaccio, a cura di Caroline Corbetta. Attualmente Pace è artista in residenza del progetto STUDIO, sostenuto da La Portineria, spazio progettuale per l’arte contemporanea a Firenze, ideato e diretto da Matteo Innocenti con il sostegno di Palazzo Poli.

INGRESSO GRATUITO
ORARI
1 maggio > 12 giugno:
 lunedì – venerdì: 10.00 – 18:00
sabato: 15.00 – 18.00
 domenica: 10.00 – 13.30 | 15.00 – 19.00               

Ph Enrico Tealdi, Soffio, 2021.Olio e pigmenti su tela, cm 50×40. Courtesy Galleria Francesca Antonini Arte Contemporanea, Roma.


INFORMAZIONI E CONTATTI
PIA_Palazzina Indiano Arte

tel. 055.0880601 – 055.2280525
email: info@palazzinaindianoarte.it

prossimi appuntamenti NEL BOSCO
Nel Bosco / Maggio > Giugno 2022
AUTUMN KNIGHT and SA SMYTHE_ALTRI/MENTI
HIDE AND SEEK
DANIELA CLEMENTINA DE LAURI / FIABE
VIOLA TORTOLI BARTOLI / Spiriti e Spiritelli
prossimi appuntamenti NEL BOSCO
DIFESE NATURALI
MARCO PACE | Ogni pensiero vola
IL GIARDINO INCANTATO. FATE E STREGHE
Torna su